EDITORIALE| NAPOLI: danni, truffe e beffe... - Scrigno Magazine


Pubblicato: dom, 6 Lug , 2014

EDITORIALE| NAPOLI: danni, truffe e beffe…

Ci convinciamo ogni giorno di più che coloro che vivono a Napoli nulla hanno a che spartire con coloro che l’hanno resa – nei secoli – grande, bella, ambita, desiderata, amata, accogliente, gioiosa e fonte di ispirazioni artistiche.

GR3-Napoli vista da Chiaia

La cronaca recente – i VV.UU. multano le bancarelle di Librerie del Centro – non sappiamo se sia un danno, una truffa, una beffa o tutt’assieme. La Cultura a Napoli e dintorni è un fantasma eduardiano, presenza impalpabile, inafferrabile, imprevedibile. Non come nei secoli quando impregnava di sé tutta la vita cittadina. La Cultura a Napoli è una specie in estinzione: rara, molto rara, sostituita dalla criminalità, dalla bestialità, dalle sconcezze e sguaiatezze, dalle brutture e dall’effimero. L’impegno dei Muti e dei Ranieri, dei Kiton e Marinella, dei Barra e dei Servillo non riescono a compensare il gravame dell’informe massa napoletana. Questa conosce solo la coltura delle truffe, degli espedienti, del fare e farsi danni inenarrabili. Venerdì 4 luglio eravamo al Convento dei Padri Passionisti ai Mascioni. Con noi c’erano nord-europei e sud-americani. Abbiamo provato enorme vergogna nel fare quelle strade: selciato praticabile solo ai carri armati e cumuli di rifiuti stagionati, molto stagionati. Dove stanno i VV.UU. e le altre articolazioni comunali? E il Sindaco e gli Assessori dove vivono? Che strade fanno? Per loro è normale il degrado viario, ambientale ed urbanistico? E quello commerciale svolto alla luce del sole in dispregio di qualsiasi norma igienica ed estetica? De Magistris ed i suoi Assessori non prendono mai il treno? Assieme alla pomposa Polizia Municipale non vedono in che condizioni stà tutta la zona della Ferrovia? Forse pensano di risolvere i problemi quotidiani con i megaprogetti ed i finanziamenti europei milionari? O multando i Librai di Port’Alba ? Tutta questa moltitudine sono i nemici di Napoli: quelli che quotidianamente – assieme ai ladri, scippatori, truffatori e violenti d’ogni tipo – le danno la prima pagina di cronaca nazionale e mondiale. QUELLA NERA !

Gennaro Mariniello





Informazioni sull'autore

- Raffaele Cecoro ([email protected]) Casertano, studente di giurisprudenza con una forte passione per la scrittura e per la letteratura. Da qualche mese ha cominciato la stesura del suo primo romanzo e nel tempo libero redige un blog letterario multitematico, il suo stile è un ibrido di humor e serietà.