IN ESCLUSIVA| Intervista a Don Alemanno: colui che creò Jenus dal nulla. - Scrigno Magazine


Pubblicato: Mar, 26 Nov , 2013

IN ESCLUSIVA| Intervista a Don Alemanno: colui che creò Jenus dal nulla.

Segue l’intervista a Don Alemanno creatore di Jenus di cui abbiamo parlato QUI.

image

UNA DOMANDA PER CHI ANCORA NON LA CONOSCESSE: CHI È DON ALEMANNO?
Don Alemanno è uno che quando lo guardi ti chiedi: “ma questo qui è veramente un prete?” E dopo che ti ha insultato, ruttato in faccia e ti ha disegnato un membro eretto come dedica sul fumetto, continui comunque a rimanere col dubbio.

CI PARLI DELLA SUA FORMAZIONE Formazione? …non saprei. A testuggine romana? 4-4-2?

A QUALE SCUOLA GRAFICA O ARTISTA SI ISPIRA? A nessuna. E questo penso risponda anche alla domanda precedente. Togliamo ogni possibilità di fraintendimento: Non ho mai studiato grafica, né disegno, né ho mai fatto fumetti, non ho mai frequentato una scuola di fumetto o nulla che riguardi neppure lontanamente un argomento artistico a caso. Tutto quello che faccio lo faccio d’istinto e senza cognizione di causa. Tant’è che è molto probabile che un vero fumettista lo disprezzerebbe, per lo meno dal punto di vista tecnico. Questo mi rende molto felice. – QUALE RITIENE ESSERE

L’ELEMENTO CARATTERIZZANTE DEL SUO TRATTO? Ribadisco che credo ci sia un enorme fraintendimento, comunque… ritengo che l’elemento caratterizzante del mio tratto sia il caso. Facciamo così: vedi sopra. – CI PARLI DELLE SUE PRIME

ESPERIENZE LAVORATIVE. Aridaje. Bracciante agricolo, aiuto cuoco, agente immobiliare, parrucchiere gay, parrucchiere etero.

ORA PASSIAMO ALL’OPERA CHE LO HA RESO FAMOSO: COME NASCE JENUS? Nasce dalla mia passione per le Sacre Scritture unita ad una buona dose di ruffianeria. Penso si dica così! È inutile negare che l’argomento religioso sia scottante, e trattandolo con una buona dose di spirito satirico ho potuto veicolare le mie idee rendendole appetibili anche tra coloro che altrimenti le avrebbero rifiutate a priori. Quale sia stata la scintilla che mi ha fatto scattare la scintilla del plot di Jenus è una domanda che mi pongo io stesso ancora oggi.

L’ELEMENTO DI SUCCESSO DELLA SERIE, SECONDO LEI, QUALE PUÒ ESSERE? Che Gesù è simpatico, perché è stronzo e schietto. E questo è in forte contrasto con l’immagine noiosa e antimoderna che la Chiesa ci ha trasmesso di questo grande personaggio.

IL  SUO RAPPORTO CON LA RELIGIONE QUAL È? La valuto da un punto meramente laico, non sono credente nei confronti del Dio cattolico. Aldilà della tipica educazione cristiana ricevuta dalla maggior parte di noi “occidentali”, tutta la mia cultura personale sull’argomento si basa su studi postumi, che proseguono tutt’ora. Ma si tratta di un interesse che non ha nulla a che vedere con le questioni di fede.

HA MAI RICEVUTO CRITICHE DA PARTE DEL MONDO CATTOLICO? Sempre, anche oggi. Ma me l’aspettavo già prima di iniziare.

COME VEDE IL SUO JENUS IN FUTURO? Se tutto continua così, direi stabile o con un leggerissimo crescendo. Se invece (come spero) dovesse arrivare una bella denuncia da qualche impavido cattobigotto, allora il futuro lo vedo roseo. Primo perché perderebbe la causa, secondo perché Jenus sarebbe sulla bocca di tutti.

UN SALUTO SPECIALE AI NOSTRI LETTORI. Finalmente è finita!





Informazioni sull'autore

- Raffaele Cecoro ([email protected]) Casertano, laureato in giurisprudenza con una forte passione per la scrittura e per la letteratura. Da qualche mese ha cominciato la stesura del suo primo romanzo e nel tempo libero redige un blog letterario multitematico, il suo stile è un ibrido di humor e serietà.