Maturità 2016| Tutto quello che c'è da sapere su date, prove scritte, commissioni, tesina ed orale - Scrigno Magazine


Pubblicato: Mar, 14 Giu , 2016

Maturità 2016| Tutto quello che c’è da sapere su date, prove scritte, commissioni, tesina ed orale

Anche quest’anno su Scrigno di Stelle Magazine seguiremo gli esami di maturità in diretta e vi aiuteremo a sostenerli. Lo scorso anno fummo tra i primi a pubblicare le tracce ed i relativi svolgimenti, sia della prima che della seconda prova e per quasi tutti gli indirizzi.

Esame-Maturita

Quando si terranno le prove della MATURITÀ 2016

  • Data prima prova maturità 2016: mercoledì 22 giugno
  • Data seconda prova maturità 2016: giovedì 23 giugno
  • Data terza prova maturità 2016: lunedì 27 giugno

Per quanto riguarda le date degli orali la decisione è presa autonomamente dalle singole scuole.

IN COSA CONSISTE LA PRIMA PROVA DI MATURITÀ?

Si svolgerà mercoledì 22 giugno, agli studenti verranno proposte quattro tipologie di tracce che vengono preparate dal Miur e che sono uguali per tutte le scuole d’Italia.

Per la redazione del saggio breve,tema o analisi, a seconda della scelta, avrai a disposizione un massimo di sei ore di tempo e con il solo aiuto del vocabolario d’italiano.

  • Traccia dell’analisi del testo (tipologia A): dovrai  analizzare un brano di prosa o di poesia di un autore italiano.
  • Traccia del saggio breve o dell’articolo di giornale (tipologia B). Questo tipo presenta a sua volta quattro sotto-temi: uno di ambito storico-politico, uno artistico-letterario, uno tecnico-scientifico e uno di ambito socio-economico.
    Se decidi di affrontare questa traccia, quindi, dovrai scegliere sia di quale argomento parlare sia se svilupparlo nella forma del saggio o dell’articolo.
  • Traccia del tema storico  (tipologia C): il Miur ti indicherà un argomento di carattere storico sul quale scrivere il tuo tema.
  • Traccia del tema di attualità (tipologia D): è il cosiddetto “tema d’ordine generale”. Il Ministero ti fornirà l’argomento da affrontare e, in alcuni casi, anche qualche citazione o documento a cui fare riferimento.

IN COSA CONSISTE LA SECONDA PROVA?

Il secondo scritto della maturità 2016 si svolge nello stesso giorno in tutta Italia ma, a differenza della prima prova, i contenuti cambiano per ogni tipo di scuola. A gennaio, infatti, il Miur sceglie quali sono le materie della seconda prova per ogni liceo, istituto tecnico e istituto professionale e prepara le tracce in base alle decisioni che ha preso. La mattina dell’esame ogni scuola riceverà i compiti da somministrare ai maturandi.
Tutti gli studenti italiani che frequentano un determinato percorso di studi dovranno svolgere le stesse consegne; ad esempio, tutti i maturandi del liceo classico dovranno tradurre la stessa versione di greco.
Visto che le tracce cambiano a seconda del tipo di indirizzo di studi, la durata della prova non è uguale per tutti, ma viene specificata dal Ministero.

IN COSA CONSISTE LA TERZA PROVA DI MATURITÀ 2016

Passiamo ora alla terza prova, cioè l’ultimo scritto dell’esame di maturità 2016. Anche in questo caso si svolge nello stesso giorno in tutto il Paese, ma le cose cambiano drasticamente rispetto alle due prove precedenti: non è più il Miur a preparare le tracce, infatti, ma sono invece le commissioni a scegliere le materie della terza prova, la tipologia di compito (se a domande aperte o chiuse), i quesiti e il tempo a disposizione per lo svolgimento.

PROVA finale: L’ORALE

L’esame orale consiste in una sorta d’interrogazione incrociata su più materie e si svolge davanti a tutta la commissione.
Questa prova è suddivisa in tre momenti:

  • La presentazione della tesina di maturità
  • Le domande dei commissari
  • La correzione delle prove scritte

TESINA DI MATURITÀ O MAPPA CONCETTUALE?

La tesina per l’esame di maturità, che spesso viene definita anche “percorso”, consiste in un elaborato lungo in media una quindicina di pagine, che propone un argomento centrale e lo collega a varie materie.
Non è necessario inserire nel percorso tutte le discipline che hai studiato a scuola (il rischio è di creare agganci un po’ troppo forzati e di annoiare i commissari), ma è importante che ci siano almeno quelle principali, cioè quelle che caratterizzano di più il tuo indirizzo di studio. Ad esempio, per uno studente dello scientifico è consigliabile inserire collegamenti ad argomenti di matematica e di fisica, mentre per uno studente della ragioneria sarà importante includere argomenti di economia aziendale e diritto.

In alternativa alla tesina puoi presentare all’orale una mappa concettuale per la maturità, cioè uno schema che riporta graficamente il titolo del tuo percorso d’esame e i collegamenti ai diversi argomenti.
Qui sotto puoi vederne un esempio di mappa svolta per un liceo linguistico





Informazioni sull'autore

- Raffaele Cecoro ([email protected]) Casertano, laureato in giurisprudenza con una forte passione per la scrittura e per la letteratura. Da qualche mese ha cominciato la stesura del suo primo romanzo e nel tempo libero redige un blog letterario multitematico, il suo stile è un ibrido di humor e serietà.