EVENTI| GIUSEPPE ACCONCIA presenta a Milano il suo "Liberi tutti" - Scrigno Magazine


Pubblicato: Lun, 4 Apr , 2016

EVENTI| GIUSEPPE ACCONCIA presenta a Milano il suo “Liberi tutti”

Giovedì 8 aprile, alle ore 18,30, presso la Libreria popolare in via Tadino 18, Milano, incontro con il giornalista e scrittore Giuseppe Acconcia, autore di Liberi tutti (oèdipus 2015) opera poetica che sarà presentata da Paolo Giovannetti, con introduzione dell’editore Francesco G. Forte.

maxresdefault

 

Liberi tutti sembra l’invocazione di un rivoluzionario, invece è il titolo della nuova fatica letteraria di Giuseppe Acconcia: una raccolta di poesie che parte da spunti autobiografici per poi sfociare in riflessioni sull’era contemporanea: dall’infanzia vissuta in una provincia meridionale alle peregrinazioni (professionali) tra Europa, Africa e Medio Oriente.
Impreziosito dalle dediche a due attivisti della cultura internazionale – l’attore senegalese Mandiaye N’Diayee il poeta egizianoAhmadFoadNigm – il volume di Acconcia nasce dalla sua esperienza all’interno del gruppo “Portico 47”, un insieme di poeti, cantori e cantastorie provenienti da paesi africani, sudamericani ed europei.

“L’idea di scrivere questa raccolta nasce da quell’esperienza – dice Acconcia – Liberi Tutti, in fondo, è un titolo che da una parte indica la voglia del gioco, dall’altra il desiderio di fare i conti con una realtà lontana, assumendo una funzione di liberazione”.

Giuseppe Acconcia (1981) è inviato speciale de Il Manifesto e ricercatore per le Università di Londra e Pavia. Laureato in Economia politica alla Bocconi e specializzatosi con una tesi sul ruolo dei militari in politica in Medio Oriente, ha insegnato all’Università Americana del Cairo, lavorato nella sezione Mediterraneo e Medio Oriente dell’Istituto affari internazionali (IAI), al Premio Sakharov (Parlamento europeo) e nella cooperazione euro-mediterranea.
Ha collaborato con The Indipendent e pubblicato saggi, tra gli altri, con  Il Mulino, The International Spectator, ISPI. Membro del comitato scientifico della Fondazione per l’Ambiente (Torino) e della Middle East StudiesAssociation (MESA), è autore di Egitto. Democrazia militare (Exorma, 2014), primavera egiziana (Infinito, 2012) e Un inverno di due giorni (Fara, 2007). Testi i tradotti in inglese, francese, spagnolo, portoghese, turco, tedesco, arabo e cinese

Medaglia d’oro della presidenza del Senato (Giornalisti del Mediterraneo 2013), ha realizzato importanti inchieste in Medio Oriente: su Kobane nel Kurdistan siriano, sulla liberazione di TelAbyad da parte dei combattenti curdi sui jihadisti dell’Isis ed ha realizzato reportage da Mahalla al-Kubra, Assouan, Suez, Sinai, al confine libico-egiziano, Iran. Come corrispondente ha scritto, tra l’altro, sulla crisi libica, le rivolte egiziane del 2011, le elezioni del 2012, 2013 e 2014, il golpe egiziano del 2013 e il massacro di piazza Rabi’a al-‘Adawiyya. Ha raccontato le elezioni parlamentari turche del 2015 e la vittoria del partito democratico del Popolo (Hdp) da Diyarbakir. È stato arrestato al Cairo il 2 febbraio 2011 durante le rivolte di piazza Tahrir dai Servizi segreti egiziani (Mukabarat) e in Turchia dalle autorità di confine (2015).





Informazioni sull'autore

- Raffaele Cecoro ([email protected]magazine.tk) Casertano, laureato in giurisprudenza con una forte passione per la scrittura e per la letteratura. Da qualche mese ha cominciato la stesura del suo primo romanzo e nel tempo libero redige un blog letterario multitematico, il suo stile è un ibrido di humor e serietà.